Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Sicilia’ Category

E’ stato una riflessione di Giuliano Volpe intervenuto a Roma alla presentazione del volume di studi e ricerche dedicati ad Adriano e la Grecia a sollecitarmi la curiosità: “Solo il 3% dei Luoghi del Cuore del FAI sono siti archeologici” ha detto con tono preoccupato il Presidente del Consiglio Superiore per i Beni Culturali e Paesaggistici; soggiungendo che, nonostante noi addetti ai lavori si sia portati a credere il contrario, i monumenti archeologici restano sostanzialmente distanti ed estranei al comune sentire e al cuore degli Italiani.

Sono andata a scartabellare…Ogni due anni il FAI (Fondo per l’Ambiente italiano) organizza un censimento dei luoghi di interesse storico-artistico più amati nel nostro Paese. Al termine, spogliate migliaia di schede, colosseo 1si provvede a redigere un elenco. Alcuni dei siti prescelti, potranno essere restaurati.

Giusto, sbagliato, fondi pubblici, interventi privati… Si tratta certo di una lodevole iniziativa che, volutamente, parte dal basso. La parola è restituita ai cittadini, valorizzazione e tutela si muovono sulla scia delle segnalazioni dalla gente. Non è più un lontano Ministero dei Beni Culturali e del Turismo che, da lontano, decide cosa, quando e come procedere con segnalazioni ed eventuali interventi conservativi e di fruizione, ma chi nel territorio ci è nato, ci vive, ci passeggia, ci spende le sue giornate a segnalare scelte e necessità.

Quarantacinque ad oggi le realtà monumentali che, “curate” dal FAI, sono state restituite alla cittadinanza: il parco ed il castello (altro…)

Annunci

Read Full Post »

di Laura Danile

valle (1)

La mozione è stata approvata all’unanimità dal Consiglio comunale di Agrigento il 5 marzo scorso: i consiglieri chiedono la verifica dei vincoli archeologici, urbanistici, idrogeologici, paesaggistici e panoramici esistenti sulla Valle dei Templi, per porre fine alla vexata quaestio su alcuni edifici costruiti abusivamente all’interno del Parco archeologico [1].

Ritengono infatti che il decreto interministeriale Gui Mancini del 1968, emanato a seguito della “frana” del 1966 e che allora dichiarò l’inedificabilità assoluta all’interno dell’area del Parco, non abbia riscontro nell’attuale panorama normativo e dunque spiegherebbe i suoi effetti soltanto da un punto di vista urbanistico e non archeologico”. La logica conseguenza di ciò potrebbe essere che le circa 600 case costruite all’interno della zona A, connotata da inedificabilità assoluta, potrebbero beneficiare di una sanatoria edilizia. (altro…)

Read Full Post »

thPoco fa Caterpillar (Rai Radio 2) ha intervistato Antonello Cracolici, deputato PD all’Assemblea regionale siciliana:

“Caterpillar candida Salvatore Settis al Quirinale. Lei che ne pensa?”. “Settis? Ma chi è?

Non servono commenti.

Read Full Post »

E’ evidente che qualcosa non funziona nel rapporto che la moderna città di Siracusa, poco degna erede della celeberrima e pulcherrima Polis descritta da Cicerone, ha con le proprie antichità. A farsene un’idea, anche solo superficiale, bastano i continui appelli, le raccolte di firme, i post sui più svariati giornali on line o blog.

Solo alcuni esempi. Ripenso all’SOS lanciato tempo fa  da Enzo Maiorca al Ministro dell’Ambiente che denunciava le insidie del nuovo Piano Regolatore Generale che non avrebbe frenato la nascita  dell’ennesimo villaggio estivo nell’ultimo tratto di costa rimasto libero, tra Massa Olivieri e Pillirina; alla paventata eventualità degli ennesimi sventramenti per la costruzione di due nuovi porti turistici; allo sconcerto, anche nostro, per lo stato in cui versano le rovine della città, già manifestato sul questo blog,  dopo una gita con gli studenti universitari.

Ed ecco, in ordine di tempo, la perla più recente balzata all’onore delle cronache… Il 12 ottobre “I partecipanti alla Targa Florio avranno per l’occasione la possibilità di arrivare con l’auto ai piedi delle rovine dopo avere attraversato il parco della Neapolis” . Detto … o per meglio dire scritto …. fatto! Entrate nel parco archeologico le vetture sono sfilate ed hanno trasformato il palco del teatro greco (patrimonio dell’Umanità) in una pista … Ma abbiamo la benché minima idea di cosa sia e di come vada tutelato un parco archeologico?

Per l’occasione il monumento è rimasto chiuso ai turisti che, furibondi, avevano inutilmente pagato il biglietto … Come facile immaginare sono fioccate proteste, partiti appelli e sottoscrizioni. Non a torto si chiedono le dimissioni di chi ha concesso l’autorizzazione … in altri termini, stavolta, è l’operato della stessa Soprintendenza ad essere messo sotto accusa…

E pensare che spesso qualcuno ha auspicato (ed altri, a ragione, hanno paventato) che proprio il modello di Soprintendenza siciliano, regionalizzato, potesse venire esportato e riprodotto nel resto d’Italia … !!

Read Full Post »

Sabato e domenica ero a Santarcangelo di Romagna, a due passi dai luoghi del terremoto ma senza avvertirlo. Ero lì su invito degli amministratori locali per parlare di sviluppo di un territorio splendido – le colline di Romagna – che ha però sempre vissuto all’ombra della Riviera romagnola. La crisi potrebbe costituire un’occasione di rivalsa della collina rispetto al mare, di affermazione della bellezza del suo paesaggio e la bontà dei suoi prodotti. Questo si vagheggia nella già illuminata Santarcangelo, che non a caso è Cittaslow. Ma appena si varcano le mura cittadine, le idee cambiano. La crisi ha reso la gente ancor più egoista nel senso che ognuno si rinchiude in se stesso cercando di difendere le posizioni acquisite. “Sono troppo ricchi”, mi dicono. Il mercato del turismo in Riviera li ha arricchiti a dismisura e ora salvano il salvabile, pensando ognuno per sé. Non c’è volontà di investire, di guardare al futuro. (altro…)

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: