Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Musei’

In genere le consultazioni pubbliche on line sono molto strombazzate, largamente preannunciate. Si tratta di coinvolgere i cittadini, di conoscere le loro opinioni, di renderli partecipi. Strumento per eccellenza della democrazia diretta o partecipata tale strumento è  spesso utilizzato in tempi di crisi o in caso di scelte discusse, impopolari o controverse.

A gennaio di questo stesso anno,  su suggerimento di Mario Monti (ricordate?), si sottopose a consultazione pubblica il tema del valore legale del titolo di studio. Materia controversa, che vede contrapposti interessi di segno opposto (Università pubbliche contra Università private o viceversa) non del tutto scevra, proprio per il suo argomento e per la composizione del governo dei tecnici, di sospetti conflitti di interessi..Ben tre  ministri dell’attuale compagine governativa sono infatti ex rettori o vice-rettori di altrettante, prestigiose, università private.

Ora è l’altro ministero della cultura, il MIBAC, nel silenzio pressoché generale, a luci spente, ad aprire un consultazione pubblica on line  relativamente ai musei. L’operazione, promossa  dalla Direzione Generale per la Valorizzazione dello stesso Ministero, significativamente intitolata “Il museo che vorrei”, è la prima di una serie di indagini aperte a tutti i cittadini  e finalizzate all’ottenimento  (mediante il contributo – si auspica di tanti- ) di conoscenze e soprattutto di proposte con finalità migliorativa.

Le domande sono veloci, mutiple choise, alcune un po’ scontate, altre più interessanti. Chiusa la consultazione on line le risposte saranno utilizzate per elaborare un documento riepilogativo che sarà reso pubblico.

Per provare, questione di due minuti, abbiamo tempo fino al 9 dicembre.

…Proviamo?

http://www.valorizzazione.beniculturali.it/consultazioneonline.html

Elle

Read Full Post »

Ancora il museo patrio!

Il Corriere non demorde. Dopo averci raccontato il Museo della storia americana di Washington, oggi ci propina un’intervista a Hans Ottomeyer direttore del Deutsches Historisches Museum di Berlino. Insiste insomma sulla proposta di Andrea Carandini ed Ernesto Galli della Loggia di realizzare finalmente il Museo della storia d’Italia. Per meglio dire l’appello, perché la proposta era stata indirizzata esplicitamente al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Gli hanno chiesto di farla propria, di promuoverla. Chi meglio di lui, proprio in occasione delle celebrazioni patrie? Ma Napolitano pare non accorgersi dell’appello, o non vuole accorgersene perché in altre (e più rilevanti) faccende affaccendato. Il Corriere però insiste. (altro…)

Read Full Post »

Riceviamo da Emanuele Greco, direttore della Scuola archeologica italiana di Atene, e volentieri pubblichamo

La proposta avanzata da Carandini e Galli della Loggia ha il merito di muovere le acque del dibattito riguardante la storia culturale del nostro paese in direzione di un progetto finalmente concreto. Così come animata da senso dell’utile ed del bello, di un bello che ha a che fare con quel  piacere immenso che è la conoscenza, senza indulgenze nei confronti di primati puramente estetici, è l’idea di promuovere musei che illustrino  la storia dello spazio urbano in primis ai cittadini che nella data città vivono (spesso ignari di cosa c’è sotto i loro piedi), che Carandini ha più volte proposto per Roma ed altri, tra cui chi scrive, ha rilanciato per altri contesti parimenti meritevoli. (altro…)

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: