Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Silwan’

Noi Italiani non siamo gli unici folli. Israele sta per far passare un emendamento a una legge che concederebbe la cessione a privati di tutti i suoi parchi nazionali, aree archeologiche comprese. Ne parla l’Art Newspaper nella sua edizione online. Tutto è nato per l’oramai annoso problema della Città di Davide, luogo immediatamente a sud del Monte del Tempio di Gerusalemme dove si crede che Davide (se mai è esistito) abbia posato la prima pietra della sua città. Oggi buona parte dell’area si chiama Silwan ed è abitata da arabi. Il governo israeliano ha concesso il permesso di scavare a una fondazione privata, Elad, che sta al contempo acquistando case e terreni per allontanare gli arabi da quel luogo così significativo e insediarvi coloni israeliani. Oscura la ricca vita del sito nei secoli, privilegiando solo ciò che potrebbe ricordare Davide e la Gerusalemme successiva. Organizza visite guidate narrando solo la parte ebraica della storia. Oramai Silwan e i suoi incidenti quasi quotidiani sono diventati il simbolo del conflitto in città e dell’uso unidimensionale della storia, e l’auspicata riappacificazione di Silwan è la bandiera di chi non ha mai smesso di sperare nella convivenza pacifica. Il nuovo emendamento, dice l’articolo dell’Art Newspaper che riassume anche chiaramente la questione, mira a legalizzare l’azione di Elad di fronte alle pesanti critiche piovute da ogni parte del mondo. Ma un gruppo di archeologi e storici non ci sta, e ha inviato al Parlamento israeliano una petizione perché l’emendamento venga stracciato. Dice che alimenterebbe interessi politici, non garantirebbe la tutela delle minoranze, e porrebbe in serio pericolo la libertà della ricerca scientifica. Il voto è previsto entro ottobre. Vedremo cosa accadrà.

Effe

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: